Mercoledì 27 marzo 2013, ore 20.30
Palazzo della Provincia, Sala Affreschi

via S. Andrea 5, Belluno

Sergio Reolon (ConsigliereRegionale) e Margherita De Marchi (Associazione Belluno-Donna illustrano la PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE PER IL CONTRASTO E LA PREVENZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE.
Incontro pubblico aperto alla partecipazione di tutti.
Introduce e coordina Irma Visalli (Segretario Unione Comunale PD di Belluno).

Vedi volantino: no_violenza.jpg

La violenza contro le donne è un fatto drammatico, ricorrente, ampio, radicato, terribile e pressoché sistematicamente ignorato che ogni anno uccide, tortura e mutila, sia fisicamente che psicologicamente, sessualmente ed economicamente migliaia di donne.
Prima causa di morte delle donne fra i 14 e i 60 anni in tutto il mondo, benché riconosciuta dalla comunità internazionale come una violazione dei diritti umani fondamentali, continua a rimanere un dramma troppo spesso consumato nel silenzio e nella solitudine
Gli stupri e le violenze contro le donne rappresentano una inaudita forma di dominio e di autoritarismo che gli uomini praticano con una sistematicità impressionante e che in gran parte del mondo è ancora tollerata quando non addirittura giustificata e contro la quale si fa comunque troppo poco sia in termini di prevenzione che di aiuto concreto verso le vittime di violenza.
Servono perciò politiche concrete ed una vera azione di governo affinché si possa scongiurarne la chiusura dei centri antiviolenza ed assicurarne il buon funzionamento, perché si ratifichi la convenzione di Istanbul e si doti il nostro Paese di politiche serie di contrasto.
Il disegno di legge regionale approvato dalla commissione sanità del consiglio regionale del Veneto va in questa direzione anche se vi sono ancora punti critici sui quali sarebbe auspicabile una modifica in aula all’atto dell’approvazione della legge.
L’incontro ha lo scopo di illustrare la proposta e di aprire un confronto e raccogliere osservazioni prima che essa sia portata in consiglio per l’approvazione.