La convenzione prevede l’apertura di una linea telefonica e di un luogo di prima accoglienza per le donne che hanno subito violenza