14. luglio 2017

Segnaliamo che nel periodico mensile “CSV Informa” di luglio (anche scaricabile in formato PDF), ci sono 3 pagine sulla nostra associazione scritte da Francesca Quaglia, in particolare sul progetto “Respect Equality”. Lo trovate qui: http://www.csvbelluno.it/servizi/informazione-e-comunicazione/csv-informa.html

06. luglio 2017

Abbiamo riaperto il mercatino dell’usato nella sala dell’ex barbiere del Teatro, in via Rialto, appena entrati da Porta Dojona nel cuore di Belluno antica. Sarà aperto fino alla fine di agosto, circa in orari di negozi, compatibilmente con le nostre forze. Quest’anno, almeno a luglio (ad agosto vedremo), troverete solo libri usati (centinaia! trovate lista sempre aggiornata nella pagina web “Libri usati“) e, novità, saponi biologici, fatti a mano da una nostra sostenitrice (che ringraziamo), con olio di oliva (lasciano la pelle pulita e morbida) e senza alcun additivo (ottimo per gli allergici). Venite a trovarci!

09. maggio 2017

Il Centro Antiviolenza del Polesine e la Casa Rifugio sono stati chiusi!
Le conseguenze di scelte economiche e politiche sbagliate, ricadono ancora una volta sulla pelle delle donne.
L’associazione Belluno-Donna, si associa a tutti gli altri Centri del Veneto per protestare e chiedere alle Istituzioni maggior impegno che si concretizzi per impedire che tali fatti gravi possano avvenire e si auspica la riapertura di quelli costretti alla chiusura.

Vedi comunicato stampa ufficiale di IRIS: cs_iris_chiusura_rovigo_05_05_2017.pdf

iris

IRIS – Coordinamento dei Centri Antiviolenza
e delle Case delle Donne del Veneto
Per info: segreteria del Coordinamento IRIS – 3459948956

 

30. marzo 2017

Nell’ambito di una serie di incontri organizzati nei comuni trentini Canal San Bovo, Imer, Primiero, San Martino di Castrozza, sul tema “Donne, Uomini & dintorni… Educhiamoci alle relazioni di genere“, il giorno 5 aprile 2017, alle 20.30 a Primiero (presso il Palazzo delle Miniere) il Movimento Acli Primiero, Vanoi e Mis, con la collaborazione del Coordinamento Donne Acli Trentine, proporranno una serata informativa sul tema: “Educare per prevenire: la violenza nelle relazioni, miti e realtà” Relatrice: dott.ssa Francesca Quaglia, responsabile del Centro Antiviolenza della provincia di Belluno. Con poesie lette da Silvia Sartori, intervallate dal violino di Leila Gobber, esposizione fotografica “volti di donne”.
Per tutti i dettagli:

 

20. marzo 2017

5x1000È tempo di tasse! Mentre compili i tuoi moduli, considera l’idea di destinare il tuo 5×1000 dell’IRPEF all’Associazione Belluno-DONNA. Basta indicare nell’apposito spazio della dichiarazione dei redditi il nostro:

codice fiscale – 93035640254

È un’azione semplice, che non comporta maggiori imposte da pagare, ma per noi è uno strumento prezioso. Grazie.
Ringraziamo i tanti che lo hanno già fatto negli scorsi anni e speriamo che continuino a farlo … e a fare anche passa-parola.
[scarica un promemoria da stampare in più copie e passare a chi vuoi]

08. marzo 2017

Per l’8 marzo, le donne di 40 paesi del mondo hanno dichiarato uno sciopero globale dal lavoro produttivo e riproduttivo. Sarà un evento planetario cui parteciperanno milioni di donne.
In Italia lo sciopero è indetto da #nonunadimeno, di cui la rete D.i.Re, che raccoglie 77 Centri Antiviolenza sparsi su tutto il territorio nazionale, fa parte fin dal primo giorno. In ogni paese e in ogni città italiana ci saranno cortei, flash mob, assemblee.
Ma cosa significa per i Centri Antiviolenza fare sciopero?
I Centri Antiviolenza non sono luoghi di lavoro, non sono servizi, sono spazi autonomi di elaborazione politica femminista attivi sul territorio, volti a costruire insieme alle donne percorsi di consapevolezza e libertà e non vogliono essere servizi assistenziali né, tantomeno, istituzionali.
L’adesione allo sciopero e alla mobilitazione globale ha l’obiettivo di cambiare la cultura che genera la violenza maschile, violenza che, nella nostra sola Provincia, ha portato 677 donne a rivolgersi al Centro  dalla sua apertura ad oggi, ovvero un nuovo contatto alla settimana.
Le attiviste dei Centri Antiviolenza manifesteranno nelle piazze per cambiare una cultura che si fonda sulla disparità di potere fra i generi e sul dominio maschile. Nella nostra Provincia manifesteremo anche per chiedere un modo diverso di collaborare con le Istituzioni, per il riconoscimento delle nostre competenze, per  ottenere finanziamenti sicuri e continui che permettano progettualità di ampio respiro e la condivisione delle metodologie per rendere sempre più efficaci e veloci i percorsi di uscita dalla violenza. Affinché il Centro Antiviolenza resti un luogo di donne per le donne senza assistenzialismo.
Per questo l’Associazione Belluno-Donna che gestisce il Centro Antiviolenza della Provincia con una sede a Belluno e una Succursale a Feltre, non accetterà gli inviti istituzionali e rituali dell’8 marzo.
A Belluno l’appuntamento è alle ore 18 in Piazza dei Martiri.

03. marzo 2017

Finalmente on line i dati riassuntivi dell’attività svolta dal Centro Antiviolenza, da quando abbiamo aperto ufficialmente (01/12/2004) a tutto il 2016: 12 anni di attività. Vedi pag. Documenti o direttamente il file (datiBLDONNA_2004_2016.pdf).

27. febbraio 2017

A Feltre, eventi in occasione dell’8 marzo, in uno dei quali è coinvolta anche la nostra associazione: 17 marzo, ore 20.30, aula magna campus “Tina Merlin” conversazione con Anna Maria Civico sul tema “prevenzione e promozione del benessere e della salute nell’esperienza delle donne“.
Per altri eventi e ulteriori dettagli: iol8_feltre.pdf

27. febbraio 2017

Nei prossimi giorni, a Ponte nelle Alpi, nella biblioteca Civica (sala “Tina Merlin”), eventi in occasione dell’8 marzo: letture, proiezione film, presentazione libri, teatro, …
La nostra associazione partecipa attivamente, assieme al Comune di Ponte (Asses. Cultura), la BIblioteca, Samarcanda e Amnesty International. Per dettagli: voci_di_donna.pdf

19. gennaio 2017
Con la chiusura annuale del nostro bilancio abbiamo avuto la gradita sorpresa di molte donazioni da privati, enti, associazioni e aziende. Non potendo ringraziare tutti singolarmente in quanto di molti non conosciamo l’indirizzo, lo facciamo qui.
Grazie per il contributo donato che, oltre a permetterci concretamente di coprire alcune delle tante spese che dobbiamo sostenere per il Centro Antiviolenza e per la Casa di secondo livello, è anche un’iniezione di fiducia e di conferma della validità di quello che stiamo facendo che ci aiuta a tirare avanti nonostante le molte difficoltà.

Grazie a tutti, quindi, da parte di tutte noi
Associazione Belluno-DONNA